Montepescali e i semi di speranza

di Gianluca Guadagnolo

Ieri sera abbiamo vissuto per certi versi un’esperienza nuova, singolare.
Ci siamo esibiti nel meraviglioso borgo di Montepescali in una sorta di “concerto itinerante” passando tra i vicoli, sostando dentro e davanti le due chiese del meraviglioso borgo. E poi attraversando le minuscole piazzette, allietare i clienti del ristorante del borgo…insomma davvero un concerto “dentro” il paese e per il paese.
Un borgo davvero ben curato, grazioso, pulito, abbellito con il garbo e la cura che la gente di una piccola comunità sa mettere nell’addobbare l’uscio di casa con composizioni floreali e tanto altro, sì da rendere percepibile il gusto per la bellezza. Un borgo dove per forza di cose la vita scorre un po’ più lentamente che altrove e dove forse un po’ tutti noi dovremmo fermarci a riflettere sull’essenza delle cose e “correre” di meno.
La nostra esibizione ha alternato brani di musica sacra, popolare e di autori del Rinascimento, abbiamo iniziato il concerto dalla Chiesa dei SS. Stefano e Lorenzo, al nostro seguito avevamo in piccolo sparuto gruppo di persone.
Man mano che il nostro percorso proseguiva, le persone crescevano in numero, in una sorta di “pellegrinaggio” laico quasi a volerci spingere a continuare e “segnare” il territorio con tante altre soste. E’ stato un abbraccio affettuoso, un’esortazione collettiva ad andare avanti, una comunità segnata dal dolore, che ancora di più dopo la recente tragedia avvenuta a Braccagni, ha sentito il desiderio di stringersi e di continuare a sperare nel valore delle relazioni e della reciprocità.
Per noi come Corale l’esortazione a non sottrarsi agli inviti che le comunità locali vorranno proporre e, ben sapendo che per ciascuno di noi il canto è una gioia e una passione per noi stessi, pur tuttavia una serata come quella di ieri ci faccia riflettere come, anche con leggerezza, ma con cura, possiamo concretamente stimolare in chi ci ascolta un sincero sorriso, una carezza per l’anima, un piccolo seme di speranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.